La DE ha spesso riflessi negativi sullo sviluppo della cornea.

Abbiamo ricevuto una email da parte di un Optometrista Contattologo che si occupa di problemi specifici della cornea risolvibili mediante l'uso di lenti a contatto speciali.

 

Uno dei problemi affrontati con successo è quello della fotofobia.

Il suo sito web è www.andreamaiocchi.it

Sono un Optometrista Contattologo che si occupa di applicazioni in presenza di patologie, tra cui quelle che riguardano malformazioni dell'iride e, in senso più esteso, tutte quelle che inducono fotofobia, soprattutto di grado elevato.

Spesso sono casi che non trovano giovamento neppure dall'uso di occhiali con lenti molto scure e la cui unica soluzione risiede nell'indossare lenti cosmetiche terapeutiche che limitino l'apertura della pupilla.

Una riduzione del diametro pupillare della metà corrisponde ad un decurtamento della luce in entrata nell'occhio del 400%, ma nei soggetti particolarmente giovani questo calo può essere molto superiore, perchè la pupilla naturale si presenta particolarmente ampia (portando da 6 a 2 mm il suo diametro, la riduzione raggiunge il 900%).

L'uso di questo mezzo correttivo riscontra già il favore di molti soggetti affetti da albinismo che non hanno trovato soluzione ai loro problemi mediante l'uso di filtri, neppure quelli specifici detti "medicali".

Trova riferimento a questi ausili anche nella pagina del mio sito http://www.andreamaiocchi.it/lenti-contatto-terapeutiche.asp.

Queste lenti sono completamente personalizzabili per diametro, raggio di curvatura e diottrie (correggono miopie ed ipermetropie sino a 20 D), adattandosi all'uso anche in età pediatrica.

In più forniscono un risultato estetico eccellente perchè realizzate manualmente una ad una con la possibilità di riprodurre qualsiasi colore e disegno dei pigmenti dell'iride su campione fotografico.

Il mio studio si trova in zona Piazzale Loreto a Milano.